FURBIZIA A TAVOLA…COME INGANNARE LO STOMACO

 FURBIZIA A TAVOLA…COME INGANNARE LO STOMACO
Digiqole ad

Ci sono periodi dell’anno come quello successivo alle festività, o quello che precede la stagione estiva, in cui molte persone vorrebbero perdere qualche chilo di troppo ma non riescono a farlo perché hanno fame, fame e fame. Quindi, come si possono aiutare queste persone che – giustamente – non vogliono privarsi del cibo?  

Personalmente punto su un fattore che reputo fondamentale per il successo a lungo termine di un percorso di dimagrimento: la sazietà. Non bisogna sentire fame, o perlomeno non eccessivamente, in quanto si può resistere a questa sensazione per un giorno, due o magari tre, ma poi va a finire che si sfocia in un’abbuffata o nell’abbandono del percorso di dimagrimento appena intrapreso.  

La sensazione di fame che accompagna quotidianamente alcune persone può essere dovuta alla pessima qualità del cibo che mangiano; questo, a causa di fluttuazioni ormonali, fa sì che ci si senta perennemente affamati. Pertanto, si deve aumentare la qualità del cibo che caratterizza la propria dieta iniziando con tre passi fondamentali: la riduzione di zuccheri e alimenti raffinati ad alto indice glicemico, la sostituzione dei grassi dannosi con quelli salutari e l’aumento della quantità di fibra giornaliera assunta. Così si riesce a tenere sotto controllo il senso di fame. 

Oltre alla qualità, anche la quantità del cibo gioca sicuramente un ruolo importante. Per questo motivo bisogna ingannare lo stomaco introducendo grandi quantità di alimenti a bassa densità calorica, ossia contenenti poche calorie; l’esempio per eccellenza è rappresentato dagli ortaggi. Infatti, consumare prima del pasto un’abbondante porzione di verdure crude o cotte, a seconda delle preferenze e della disponibilità, è una buona abitudine per riempire lo stomaco e lasciare meno spazio alle portate successive; ricordando sempre che un pasto, per essere completo, deve contenere una certa quota di tutti e tre i macronutrienti, ovvero carboidrati, proteine e grassi.  

La quantità dei diversi macronutrienti varia a seconda del fabbisogno dell’individuo, del suo stato di salute e dei suoi obiettivi fisici.  

Infine, un’altra buona abitudine prevede che subito dopo le verdure si mangi la fonte proteica lasciando così per ultimi carboidrati e grassi. Le proteine sono i macronutrienti che hanno un maggior effetto saziante e per questo, ma anche per tantissime altre ragioni, non devono mai mancare sulla nostra tavola. Seguendo queste indicazioni possiamo terminare i nostri pasti sentendoci sazi, ma senza aver introdotto troppe calorie. 

Marzia Mosca

Dottoressa Marzia Mosca, biologa nutrizionista. Per ulteriori info e consulenze: (+39) 3472225990 - [email protected] Social: Facebook | Instagram

Correlati

Grande o piccolo, ogni contributo è prezioso.

X