“Ci ritroviamo a Ferragosto, bordate di turisti hanno preso d’assalto le marine neretine, mai si erano viste così affollate Santa Maria al Bagno, Santa Caterina, Sant’Isidoro e Porto Selvaggio”.

Molte presenze di persone portano anche molte presenze in termini di mezzi stradali, perciò (ahimè?!) molto traffico. Già dalle prime ore del mattino le marine sono invase di auto e trafficate, auto parcheggiate in ogni dove per il solo gusto di prendersi un caffè con un cornetto con l’auto a due passi dai tavolini, automobilisti che si vedono protagonisti di un Gran Premio intenti a scansare auto parcheggiate male o in doppia fila. In tutto questo gran disordine vi è un grande problema; Il personale risicato dei vigili urbani, rinforzato da metà luglio solo di poche altre unità, molte delle quali anche inesperte, mandate allo sbaraglio a dirigere il traffico incosciente delle giornate d’agosto. Pochi controlli nelle strade secondarie ove vige la legge del più forte.

Molte zone delle marine sporche dove la raccolta dei rifiuti o la pulizia delle strade è assai lenta e dove molto turisti si lamentano addirittura additandoci come “sporchi”! Giù a Porto Selvaggio turisti idioti che scheggiano la roccia per farsi i fanghi e nessuno che vigili se non qualche persona del posto che li incita a finirla senza alcun risultato. A nulla valgono il mare cristallino, le recensioni da parte di giornalisti o blogger internazionali, la vincita di bandi economici per la pulizia della strade se a stagione inoltrata ci ritroviamo ancora con molti problemi, risolvibili si, ma molto lentamente. La stagione estiva neretina è entrata ancora di più nel vivo e servirebbe maggior collaborazione tra residenti, turisti e amministrazione.

Federico Felline 
Portavoce Cittadino e Dirigente Provinciale Gioventù Nazionale