Home Spettacolo&Cultura PELLEGRINAGGIO VOCAZIONALE DI INIZIO ANNO

PELLEGRINAGGIO VOCAZIONALE DI INIZIO ANNO

inglese
ramundo
ARTE ORAFA
ramundo 2
materassi
toma casa
andreina
new pergola_pergola
banner fiorentino
inglese
neretum

All’inizio del nuovo anno pastorale, mentre ci si prepara a festeggiare l’Addolorata (particolarmente venerata a Taviano, nel Santuario dedicatole), il Vescovo, Mons. Fernando Filograna, invita i sacerdoti, i religiosi, le religiose, i seminaristi, i giovani, i giovanissimi, i membri delle commissioni sinodali e tutti i fedeli della Diocesi all’ormai tradizionale “pellegrinaggio mariano penitenziale” (che negli ultimi anni ha avuto solo un ridimensionamento a causa della pandemia e che ora riprende quasi come nel periodo pre-covid) per chiedere alla Madonna benedizione per il nuovo anno pastorale e numerose e sante vocazioni nella nostra Chiesa.

L’usanza del “pellegrinaggio a piedi” non è nuova alla tradizione dei fedeli. Sin dalle origini del Cristianesimo i fedeli che volevano esprimere particolare devozione, rinnovare le proprie promesse battesimali, rinvigorire la fede, o chiedere una “grazia”, si recavano in luoghi particolarmente significativi sotto il profilo spirituale. Anche nel nostro Salento questa “devozione” non è nuova. Ancora oggi, in particolari giorni di festa e in particolari luoghi di culto, seppur molto raramente, si vedono persone, soprattutto adulte, che si spostano a piedi per recarsi presso un Santuario o una Chiesa.

Le parrocchie, informate tempestivamente di questa iniziativa, sono in fermento e ben liete di vivere nuovamente questa esperienza, in “comunione” con il Vescovo. A tal proposito, Mons. Filograna, che nel frattempo ha ripreso la visita pastorale a pieno ritmo, non nasconde il sorriso e l’entusiasmo: “Sento questa Chiesa (quella di Nardò-Gallipoli, ndr), invocare devotamente l’intercessione della Beata Vergine Maria! La sento invocare con fede il Figlio suo Gesù. In un momento di grande disorientamento a causa della destabilizzazione procurataci dalla pandemia, nel mentre è necessario non perdere la speranza, come direbbe papa Francesco, la Chiesa di Nardò-Gallipoli, chiede alla Vergine Santa di poter incontrare lo sguardo amorevole e misericordioso di Gesù, dal cui Amore nasce quella carità operosa che abbiamo la responsabilità di declinare nelle varie dimensioni della vita sociale, della quale, come cristiani, dobbiamo essere protagonisti! Pregare per numerose e sante vocazioni, come vogliamo fare, significa chiedere a Dio che ciascuno viva pienamente la propria vita, a servizio del prossimo”.

Il pellegrinaggio, esperienza di Chiesa in cammino, si terrà GIOVEDI’ 01 settembre 2022. La partenza è prevista alle ore 19.30 dall’atrio antistante al Cimitero in Taviano. La meta è il Santuario della Madonna Addolorata in Taviano. Una volta giunti, il Vescovo, alle 20.00, presiederà l’Eucaristia concelebrata da tutti i sacerdoti presenti.

Durante la Santa Messa, Il vescovo Fernando ammetterà tra i candidati all’ordine del diaconato e del presbiterato (il primo passo ufficiale verso il sacerdozio) il seminarista Giovanni SPECCHIA, della Parrocchia Santi Medici in Galatone.

Articolo precedenteDETENZIONE DI SOSTANZA STUPEFACENTE E POSSESSO DI ARMA CON MATRICOLA ABRASA: ARRESTATO UN 37ENNE DI COPERTINO
Articolo successivoUNA VITA NEL PALAZZO: MICHELE MARINO RACCONTA “DALL’INTERNO” PRIMA E SECONDA REPUBBLICA