Home In Evidenza TORNANO ADDOBBI E LUMINARIE DI NATALE

TORNANO ADDOBBI E LUMINARIE DI NATALE

inglese
ramundo
ARTE ORAFA
ramundo 2
materassi
toma casa
andreina
new pergola_pergola
banner fiorentino
inglese
neretum

Per il secondo anno consecutivo addobbi e luminarie di Natale fanno capolino anche fuori dal centro storico. L’amministrazione comunale, grazie alla ditta Parisi s.r.l. di Taurisano, ha ultimato l’installazione delle decorazioni luminose su corso Galliano, via Grassi, via Duca degli Abruzzi, via Roma, via XX Settembre, via De Gasperi, corso Vittorio Emanuele, piazza Salandra, piazzetta Sant’Antonio, nelle marine di Santa Maria al Bagno e Santa Caterina e nella frazione di Boncore.

Per il secondo anno consecutivo addobbi e luminarie di Natale fanno capolino anche fuori dal centro storico. L’amministrazione comunale, grazie alla ditta Parisi s.r.l. di Taurisano, ha ultimato l’installazione delle decorazioni luminose su corso Galliano, via Grassi, via Duca degli Abruzzi, via Roma, via XX Settembre, via De Gasperi, corso Vittorio Emanuele, piazza Salandra, piazzetta Sant’Antonio, nelle marine di Santa Maria al Bagno e Santa Caterina e nella frazione di Boncore. Un’occasione per illuminare la città dentro e anche oltre le mura del centro storico nel periodo delle festività natalizie e per animare piazze e vie principali del tessuto urbano, entrando anche “visivamente” nel pieno dell’atmosfera di questo periodo.

“Una città illuminata a Natale – commenta l’assessore al Commercio Giulia Puglia –  è una città più calda, più attraente e più bella. Le luminarie impreziosiscono l’arredo urbano e certamente danno una mano anche ai commercianti. Direi che c’è l’atmosfera giusta per vivere un po’ di più la nostra città. Mi auguro che i cittadini sappiano apprezzare lo sforzo dell’amministrazione comunale, anche questo un segno di discontinuità con il passato”.

 

12410548 10208512461388184 7622456496667838796 nFoto di repertorio

© Riproduzione riservata
Articolo precedenteINCONTRO-DIBATTITO: LA LEZIONE DI DON MILANI 50 ANNI DOPO
Articolo successivoNARDÒ NEI PERCORSI DI MATERA, CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019