Nella notte tra mercoledì e giovedì, in contrada “Donna Gioconda”, dove è ubicata l’omonima masseria, i malviventi hanno sfondato il portone di un fabbricato rurale dove era custodito il mezzo agricolo. Si trattava di un “Same 65” con agganciato un attrezzo molto utilizzato in questo periodo di pre-semina.

 

Trattandosi di una zona isolata, nelle campagne dopo Porto Cesareo, tra Avetrana, Veglie e in prossimità del centro di prove automobilistiche “Nardò Technical Center”, i ladri hanno potuto agire quasi del tutto indisturbati. Il danno complessivo è ancora in corso di quantificazione, al momento le forze dell’ordine hanno accertato che il mezzo non era coperto da assicurazione contro il furto. Nonostante l’assenza di videocamere e altri sistemi d’allarme, i carabinieri della stazione di Porto Cesareo, intervenuti sul posto dopo la segnalazione dei proprietari, hanno effettuato i rilievi del caso individuando tracce utili per le indagini.