FAR FINTA DI NIENTE – OPERE PER GLI SPOT E NON PER L’UTILIZZO REALE DA PARTE DEI NERITINI

 FAR FINTA DI NIENTE – OPERE PER GLI SPOT E NON PER L’UTILIZZO REALE DA PARTE DEI NERITINI
Stefania
Piccione
Mov5
leuzzi

La campagna elettorale del sindaco “che fa finta di niente” parte dal suo Urban Park, un luogo che a guardar bene rispecchia per molti versi il suo modo di essere. Alle parole non corrispondono mai i fatti!
Presentato come un’opera che doveva riqualificare un’intera area anche dal punto di vista ambientale, si è in realtà rivelato un luogo pieno di mattoni, ringhiere, asfalto, e che di verde ha solo le sterpaglie che lo assediano. Un parco nato per lo svago dei più piccoli, ai quali però è stato dedicato solo un piccolo spazio con pochi giochini. Un parco in cui invece di attività ludico-ricreative si propongono food-drink e aperitivi serali (non a caso lo spazio dedicato al bar è l’unico curato), mentre lo spazio riservato ai cani è impresentabile, quello per lo skateboard (mai realizzato) è rimasto un’enorme buca piena di sterpaglie, i pochi alberelli abbandonati ai vandali, e il resto del perimetro incolto.

Insomma, una buona intuizione, realizzata male! E che per mio conto può e deve essere migliorata. Venendo incontro alle esigenze della tante famiglie che frequentano il parco, e che hanno bisogno di uno spazio più vivibile, per respirare, rilassarsi e far giocare i propri bambini. Così, si potrebbero piantumare alberi e piante fiorite, realizzare il prato (come peraltro è stato rappresentato su internet) e creare un vero e proprio polmone verde con cui davvero migliorare l’ambiente circostante. Si potrebbe incrementare lo spazio ludico creando un “percorso avventura” dove i bambini più grandi possano divertirsi facendo attività fisica. Organizzare eventi culturali mirati a quella fascia di età. Perché accontentarsi?
Invece il solito sindaco “fa finta di niente”. A lui basta utilizzarlo per i suoi spot. E in occasione dell’inizio della campagna elettorale gli basta nascondere la polvere sotto il tappeto, affrettandosi a ripulire un pò, salvo poi abbandonarlo dal giorno dopo alla solita incuria. Un sindaco che fa le cose non perchè ci crede, impegnandosi perchè siano funzionali e utili per i suoi concittadini, ma solo per il proprio tornaconto elettorale.

D’altra parte, l’approssimazione con cui sono stati pensati e realizzati alcuni interventi sulle strade cittadine, sono tornati all’attenzione dell’opinione pubblica in occasione dell’ultimo temporale. Personalmente non sono in grado di esprimere giudizi sulla realizzazione delle opere o sulle soluzioni tecniche adottate. Ma so per certo che un sindaco, allertato per tempo delle imminenti precipitazioni, non può “far finta di niente”, e non può non assicurare tutti gli interventi necessari per evitare o contenere i possibili allagamenti. Un sindaco che persino in quella giornata si preoccupava di mandare migliaia di messaggini per reclamizzare l’inizio della sua campagna elettorale, invece di farlo per allertare la popolazione e dare indicazioni utili in vista della precipitazione imminente.

Maurizio Leuzzi – Candidato al Consiglio comunale

Correlati