MINO NATALIZIO RISPINDE AL CANDIDATO SINDACO MINO FRASCA: ““PARLANO ATTI E FATTI CONCRETI, SIAMO ALL’EPILOGO DI CASTELLINO”

 MINO NATALIZIO RISPINDE AL CANDIDATO SINDACO MINO FRASCA: ““PARLANO ATTI E FATTI CONCRETI, SIAMO ALL’EPILOGO DI CASTELLINO”
Stefania
Piccione
Mov5
leuzzi

“Castellino non è una bomba ecologica, Frasca dica cose serie e responsabili”. Così l’assessore all’Ambiente Mino Natalizio risponde al candidato sindaco Mino Frasca che è intervenuto sulla questione della ex discarica di Castellino.

“Non si possono fare pericolose sparate elettoralistiche – continua – su temi così importanti e delicati. Peraltro, da un operatore del settore mi aspetto una posizione meno superficiale e soprattutto informata, ma prendo atto che la cieca e disperata foga del consenso ha preso il sopravvento. Su Castellino non ci sono parole e buone intenzioni, ma fatti, atti e documenti concreti. Il 3 settembre, tra pochi, giorni potrebbe esserci l’ultima seduta della conferenza di servizi che produrrà il provvedimento formale di chiusura definitiva. Il progetto prevede tutta una serie di interventi sulla morfologia della discarica, il deflusso delle acque meteoriche, la messa a dimora di essenze arboree e arbustive, la realizzazione di un adeguato impianto di irrigazione e di tre nuovi pozzi di monitoraggio e un pacchetto di prescrizioni a carico del gestore relative a manutenzione e gestione di emissioni atmosferiche e di acque. E la specifica previsione di un piano di monitoraggio e controllo. Una conferenza di servizi più lunga e complessa del normale perché tutti gli enti coinvolti non vogliono lasciare nulla al caso.

Inoltre, la precedente fase di caratterizzazione del sito non ha evidenziato particolari problematiche di natura ambientale e ciò ci lascia tutti tranquilli. Anche perché l’Arpa ha imposto prescrizioni e adempimenti in linea con i principi di massima precauzione. Chi, come Frasca, parla di “bomba ecologica” è un incosciente e un irresponsabile, oltre a dimostrare una certa incompetenza sull’argomento. Quindi, grazie alla determinazione dell’amministrazione Mellone e del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, le procedure sulla chiusura definitiva e sulla post gestione di Castellino hanno avuto una accelerata decisiva. L’autorizzazione integrata ambientale che scaturirà dalla conferenza di servizi è un passaggio storico è stabilirà con esattezza tutto quello che il gestore dovrà fare e in che tempi. Così la famigerata ex discarica passerà finalmente nei libri di storia. Questi sono i fatti: l’epilogo è arrivato. La verità è quella descritta da carte e documenti ufficiali, non dalle miserabili bugie della campagna elettorale”.

Correlati