LA MINISTRA DELLE DISABILITÀ HA VISITATO IL CENTRO “ARMONIA”

 LA MINISTRA DELLE DISABILITÀ HA VISITATO IL CENTRO “ARMONIA”
Stefania
Piccione
Mov5
leuzzi
leuzzi
leuzzi

La ministra per le disabilità Erika Stefani ha visitato ieri sera il centro diurno socioeducativo e riabilitativo “Armonia” di via Avetrana. Nel Salento in questi giorni per una serie di appuntamenti politici del suo partito (Lega), la ministra Stefani ha voluto incontrare operatori e ospiti della struttura neretina, inaugurata nel 2018, ospitata nell’ex mattatoio (ristrutturato e recuperato dal punto di vista funzionale) e gestita dalla cooperativa sociale Polis. Ad accompagnarla il sindaco Pippi Mellone, il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso, i parlamentari Roberto Marti e Anna Rita Tateo.

“È evidente che in questa struttura, come in tante altre sul territorio – ha detto Erika Stefanic’è un grande lavoro di squadra tra operatori, amministrazione comunale e altri enti. Si fa tanto e bene su un tema complicato come la disabilità e ne sono molto contenta, del resto questo è un fronte in cui necessariamente bisogna lavorare insieme e in cui c’è sempre molto da fare. Tenendo a mente che la bussola del lavoro che si fa in centri come “Armonia” è sempre quello di riflettere sulle caratteristiche che ognuno di noi ha, quindi individuarle e valorizzarle. I sorrisi che ho visto oggi mi hanno fatto felice”.

“Torno sempre con gioia in questo centro – ha aggiunto il sindaco Pippi Mellonein cui si fa un gran lavoro e per cui l’amministrazione comunale si è spesa e si spende tantissimo. È una struttura che in questi anni è cresciuta e che, con l’impegno di tutti, continuerà a crescere. Intanto, grazie a tutti quelli che ci lavorano e che svolgono un servizio tanto complesso quanto essenziale per Nardò e per gli altri comuni dell’Ambito, un sostegno importantissimo all’autonomia e alla valorizzazione delle persone disabili e delle loro famiglie”.

Il centro “Armonia” ospita una trentina di persone ed è a servizio soprattutto dei comuni dell’Ambito Sociale di Zona n. 3, di cui Nardò è capofila. Si tratta di una struttura socioassistenziale a ciclo diurno finalizzata al mantenimento e al recupero dei livelli di autonomia della persona e al sostegno della famiglia, in particolare soggetti diversamente abili, tra i 6 e i 64 anni, che necessitano di prestazioni riabilitative di carattere sociosanitario. Il centro aiuta le persone disabili a mantenere la propria autonomia perché si fonda su un modello che considera questo servizio come luogo di “abitazione”, nel quale mantenere e proseguire per quanto possibile le abitudini proprie dell’ambiente familiare, compatibilmente con le esigenze di vita comunitaria.

Correlati