LA MAPPA DEI CONTAGI – A NARDÒ OTTO CASI DI PERSONE TROVATE POSITIVE AL VIRUS FINO A IERI

 LA MAPPA DEI CONTAGI – A NARDÒ OTTO CASI DI PERSONE TROVATE POSITIVE AL VIRUS FINO A IERI
Digiqole ad

E’ un balletto di cifre. Persino i sindaci non sanno esattamente come stanno le cose nel proprio comune. La Gazzetta del Mezzogiorno, da giorni, spiega che a Nardò i casi erano sei. Due giorni fa sono diventati sette. Ora siamo ad otto, sei uomini e due donne. C’è una logica in tutto ciò e segue il criterio utilizzato, correttamente, dalla Asl. Proviamo a spiegarla anche con una mappa molto dettagliata.

Coronavirus, un altro decesso ed altri 12 contagiati in provincia di Lecce. Non ce l’ha fatta una donna di 77 anni di Monteroni che era ricoverata al Fazzi, mentre i nuovi casi fanno salire a 177 le persone infette da Covid-19. Vediamo qual è la distribuzione sul territorio, nel Report della Asl che, però, è stato elaborato ieri mattina (riguarda il periodo dal 29 febbraio al 26 marzo), quando i casi registrati in provincia erano stati 170.

A Lecce ed a Copertino c’è il maggior numero di contagi: 27 sia nel capoluogo sia nella cittadina. Scorrendo la tabella, troviamo un altro centro con casi a due cifre. Si tratta di Galatina, dove risultano dieci persone contagiate.
Per gli altri comuni, si passa a numeri ad una sola cifra. È il caso di Monteroni, con 9 cittadini infettati dal Covid 19. Segue Nardò, con 8 casi. Quindi Surbo, con 7 contagiati. Rimanendo nell’area nord est, a Carmiano ed a Leverano sono stati censiti 6 casi in ciascuno dei due centri.

Si scende a 4 casi a Gallipoli, a Maglie ed a Soleto; mentre risultano 3 a Cavallino, a Guagnano, a San Pietro in Lama ed a Martano. Appena due persone contagiate sono indicate ad Aradeo, a Calimera, aCampi Salentina, a Carpignano Salentino, a Cutrofiano, a Gagliano del Capo, a Poggiardo, a Squinzano, a Veglie.

La distribuzione è completata con l’individuazione di un solo caso nei comuni di Arnesano, Castrì di Lecce, Cursi, Galatone, Giuggianello, Lizzanello, Martignano, Matino, Melendugno, Melissano, Novoli, Otranto, Racale, San Donato di Lecce, Scorrano, Taurisano, Ugento, Vernole e Presicce. Risultano altri 9 casi che, però, non sono ancora stati attribuiti ad alcun comune.
C’è un dato che si nota, scorrendo la tabella della Asl. Il contagio nel Salento, infatti, sembra andare in controtendenza. Là dove, a livello nazionale, le donne appaiono meno colpite, in provincia di Lecce si registrano più casi tra i soggetti femminili. Dei 170 casi complessivi, 92 sono donne a fronte di 78 uomini. Scendendo nei diversi comuni, a Lecce risultano 14 donne e 13 uomini; a Copertino, 16 donne ed 11 uomini. A Galatina: 5 uomini e 5 donne. A Monteroni, contagiate 6 donne e 3 uomini; a Surbo, 5 casi tra le donne e 2 tra gli uomini. Anche a Leverano accade che dei 6 casi, sono infetti 4 donne e 2 uomini. Infine, nella stessa scia il dato dei casi non attribuiti ad alcun comune: tutti e 9 sono donne.

La fonte dei dati è molto autorevole, probabilmente l’unica affidabile in questo momento: la Asl.
Gli incasellamenti vengono effettuati in base al Comune di residenza, come è giusto che sia.

Per cui i neritini, che erano rimasti ai primi tre casi, non possono sapere se i successivi erano, ad esempio:
– persone ricoverate in strutture sanitarie (ospedali, case di cura) anche fuori città;
– residenti nelle marine o in città ma, di fatto, proprietari di seconde case a Nardò o nelle marine. Di fatto domiciliati altrove;
– persone di cui non sapete nulla, come è anche giusto che sia passato il momento, la soglia psicologica, del “primo contagiato”.

Correlati

Grande o piccolo, ogni contributo è prezioso.

X