22.2 C
Nardò
sabato, Giugno 15, 2024
mmt
calignao
calignao
mmt
calignao
calignao
mmt

CAMPANILE DI SANTA MARIA – “CHE C’AZZECCA CON L’ANTONIANO?” IL PARERE DI GIOVANNINO DELL’ANNA

- Advertisement -
soave
ramundo
materassi
toma casa
new pergola_pergola
banner fiorentino
neretum
lavaggio cani
vergaro

“Come al solito, c’è qualcuno che in questa città esprime giudizi e valutazioni a casaccio, totalmente slegati dalla realtà delle cose”.

Stavolta sul campanile di Santa Maria al Bagno, che sarà demolito prossimamente a causa delle sue condizioni statiche e quindi della sua pericolosità. Da giorni viene addossata all’amministrazione comunale la colpa presunta di questa scelta e il fatto di non aver fatto niente per salvare il campanile, così familiare a tutti noi residenti e a chi viene nella nostra marina. C’è un piccolo particolare che viene taciuto, in buona e in mala fede: il campanile non è di proprietà del Comune di Nardò, ma della Diocesi, e il terreno su cui sorge non è di proprietà del Comune di Nardò, ma della Diocesi. Per cui, ogni scelta conseguente spetta al soggetto proprietario, che immaginiamo avrà fatto tutte le legittime valutazioni del caso, comprese quelle tecniche, economiche e diciamo “sentimentali”. Se si è giunti alla soluzione drastica dell’abbattimento, ci saranno inevitabilmente fondate ragioni per farlo.
Ma la contorsione intellettuale intorno a questa faccenda è altra. Su questo fronte l’amministrazione comunale viene accusata di non fare nulla su un bene che non è suo (e come potrebbe?), mentre su un altro fronte, quello del progetto di riqualificazione dell’ex Antoniano, viene accusata di spendere soldi per un bene della Diocesi. Soldi, peraltro, frutto di un finanziamento della Regione Puglia e destinati a riqualificare un immobile a fini sociali, che è abbandonato e cadente da anni. Una specie mostruosa di moralismo, usato a piacimento.
Qualcuno dovrebbe far pace con il cervello e soprattutto con la propria coscienza. Mi riferisco principalmente ad alcuni politici o ex politici che fanno finta oggi di interessarsi alle sorti di Santa Maria al Bagno, una marina che finalmente grazie all’amministrazione Mellone non viene considerata figlia di un dio minore.

Giovannino Dell’Anna
Difendere Nardò

 Segui NardoNews24 anche su Whatsapp e Telegram

- Advertisement -

Ti potrebbe interessare

BRIVIDI E EMOZIONI: COMPONIMENTO DI FEDERICA MARZANO TRATTO DAL LIBRO “LA PASSIONE DEL POETA CONTEMPORANEO”

0
Componimento a cura di Federica Marzano. “Le dita toccarono le sue umide labbra.Vibrazione lenta.Il corpo colmo...

NARDÒ EXPERIENCE, VIA ALLE INIZIATIVE DI TURISMO ESPERIENZIALE

0
Via a Nardò Experience, il programma integrato di iniziative e servizi orientati al turismo esperienziale...

PREMIO CONSULTA DELLO SPORT E AMMINISTRAZIONE COMUNALE A NARDÒNEWS24 E PORTADIMARE: UNA SINERGIA VINCENTE PER LO SPORT NERETINO

0
L'amministrazione comunale di Nardò, in collaborazione con la Consulta dello Sport, in occasione della Giornata...

Seguici sui nostri canali

9,002FansMi piace
- Advertisement -spot_imgspot_img

Articoli recenti

- Advertisement -