Pochi giorni fa si è insediata anche la Consulta della Cultura, che coadiuva l’amministrazione comunale nelle attività che riguardano la promozione e la valorizzazione della cultura e delle attività culturali. Si tratta di un organo di natura consultiva e di uno strumento di partecipazione democratica del mondo culturale cittadino, che appunto offre il proprio contributo di idee per la programmazione di attività culturali, promuove la conoscenza, la tutela e la valorizzazione delle tradizioni culturali e del patrimonio storico-artistico della città, coordina le associazioni di settore, gli enti e le istituzioni presenti sul territorio, veicola la cultura tra la cittadinanza e le scuole.

Pochi giorni fa si è insediata anche la Consulta della Cultura, che coadiuva l’amministrazione comunale nelle attività che riguardano la promozione e la valorizzazione della cultura e delle attività culturali. Si tratta di un organo di natura consultiva e di uno strumento di partecipazione democratica del mondo culturale cittadino, che appunto offre il proprio contributo di idee per la programmazione di attività culturali, promuove la conoscenza, la tutela e la valorizzazione delle tradizioni culturali e del patrimonio storico-artistico della città, coordina le associazioni di settore, gli enti e le istituzioni presenti sul territorio, veicola la cultura tra la cittadinanza e le scuole.

Marcello Gaballo, rappresentante e presidente della Fondazione Terra d’Otranto, è stato eletto presidente, mentre Chiara Miglietta, rappresentante di Arci Nardò Centrale, è stata eletta vicepresidente. La Consulta, che resta in carica cinque anni, è composta dall’assemblea (rappresentanti delle associazioni culturali del territorio, delle istituzioni scolastiche e tre membri eletti dal Consiglio comunale fra le personalità del mondo della cultura), dal comitato esecutivo, dal presidente e dal vicepresidente. Il comitato esecutivo, eletto mediante votazione in seno all’assemblea, è composto da Dora Raho, Cosimo Barrotta, Cosimo Tondo, Diego D’Alessandro, Carlo Longo, Riccardo Quaranta, Paolo Marzano e Andrea De Giorgi. Il Comitato ha il compito di sviluppare le linee di indirizzo fissate dall’assemblea e proporre a quest’ultima iniziative tendenti alla migliore realizzazione delle finalità cui tende l’istituto. L’attività di segreteria è svolta da Sofia Geusa. Fanno parte della Consulta comunale della Cultura anche l’assessore alla Cultura Ettore Tollemeto e il presidente della V Commissione consiliare (Sport, Cultura, Spettacolo, Pubblica Istruzione, Politiche Sociali e Comunitarie, Servizi alla Persona, Politiche Sanitarie, Problematiche giovanili) Fabrizio Durante.

La partecipazione ai lavori della Consulta è a titolo gratuito.