32.8 C
Nardò
mercoledì, Luglio 24, 2024
mmt
calignao
calignao
mmt
calignao
calignao
mmt

MELPIGNANO FESTEGGIA 24 NASCITE TRA 2021 e 2022

- Advertisement -
soave
ramundo
materassi
toma casa
new pergola_pergola
banner fiorentino
neretum
lavaggio cani
vergaro

Per ogni nuovo cittadino, una festa. Per tutte le nuove arrivate, è la comunità che si arricchisce. Il dono del seme di un albero da piantare, di un libro e della bavetta ora si arricchisce di un dettaglio: il bordo decorato coi colori della bandiera dell’Arcobaleno. È l’idea del Comune di Melpignano che, sin dal proprio insediamento, ha offerto un gesto simbolico a tutti i neo genitori residenti del borgo.

 Un messaggio ulteriore e un augurio di pace: spirito, questo, che anima l’amministrazione comunale guidata dalla sindaca Valentina Avantaggiato. La bavetta ha lasciato i tradizionali celeste o rosa, per indossare colori più inclusivi di “benvenuto” e “benvenuta” da parte della cittadinanza. Ma non solo.

Oltre alla “bavetta dell’arcobaleno” e al mazzo di fiori, ai neogenitori viene anche rilasciata una lettera che indica le informazioni e i codici sul seme da utilizzare per la piantumazione di un albero, tramite una piattaforma italiana specializzata nella piantumazione in Africa, America Latina, Asia e nella stessa Italia, da parte di contadini del luogo.

Un esemplare da frutto per ogni nuovo nato,: visibile “virtualmente”, ma piantato realmente in un punto preciso del mondo. Per cui ogni famiglia potrà non soltanto vederlo, ma monitorarne la crescita e, un giorno, anche andare a trovarlo.

 Ben 24 le nascite registrate soltanto tra il 2021 e il 2022: un dato che strizza l’occhio alla speranza, visti i trend nazionali ed europei. Pertanto sono già 24 gli alberi che omaggiano i piccoli e le piccole di Melpignano piantumati nel mondo. Per ogni nascita, una ri-nascita: quelle della natura, attraverso un contributo alla riforestazione. Non a caso, nel “corredino” di benvenuto in dono, anche un libro dal titolo: “L’uomo che piantava gli alberi”. Un celebre racconto degli anni Cinquanta che narra di un pastore  che – con estrema pazienza e cura, seppur tra mille difficoltà – riuscì a riforestare un terreno impervio ai piedi delle Alpi francesi.

 Segui NardoNews24 anche su Whatsapp e Telegram

- Advertisement -

Ti potrebbe interessare

COLONIE FELINE, ARRIVANO LE “POSTAZIONI PAPPA”

0
Arrivano le “postazioni pappa” nelle colonie feline della città. Il Comune di Nardò, con il...

POMO D’AMORE – SPETTACOLO NEL CHIOSTRO DEI CARMELITANI

0
Sabato 27 luglio alle ore 21.00 al Chiostro dei Carmelitani di Nardò si svolgerà “Pomo...

LE PARIGÒ – MENÙ ESTIVO CON LE SPECIALITÀ PUGLIESI

0
Ecco il nuovo menù estivo speciale pugliese del ristorante "LE PARIGÒ" di Nardò.Vieni a gustare...

Seguici sui nostri canali

9,002FansMi piace
- Advertisement -spot_imgspot_img

Articoli recenti

- Advertisement -