Home Cronaca GIORNATA NAZIONALE DEGLI ALBERI, 30 TAMERICI AL FRASCONE

GIORNATA NAZIONALE DEGLI ALBERI, 30 TAMERICI AL FRASCONE

ramundo
ARTE ORAFA
materassi
toma casa
andreina
new pergola_pergola
banner fiorentino
neretum
lavaggio cani
555

Ieri, lunedì 21 novembre, è stata la Giornata nazionale degli alberi, occasione importante per sensibilizzare tutti sul ruolo fondamentale del patrimonio arboreo. La Giornata, com’è noto, è stata istituzionalizzata con una legge del 2013 con l’obiettivo di perseguire “attraverso la valorizzazione dell’ambiente e del patrimonio arboreo e boschivo l’attuazione del protocollo di Kyoto e le politiche di riduzione delle emissioni, la prevenzione del dissesto idrogeologico e la protezione del suolo, il miglioramento della qualità dell’aria, la valorizzazione delle tradizioni legate all’albero nella cultura italiana e la vivibilità degli insediamenti urbani”.

L’amministrazione comunale, con il Circolo Legambiente Neretum di Nardò e l’associazione La Terra per i Piccoli ETS, hanno voluto celebrare la giornata mettendo a dimora 30 tamerici in località Frascone, nell’area del parco di Portoselvaggio, precisamente nel sito dove sino a pochi mesi fa sorgeva un immobile abusivo a pochi metri dal mare, poi demolito. Infatti, nell’area del Frascone e della Palude del Capitano (che è sito naturale protetto) il Comune sta attuando un intervento di tutela e valorizzazione della biodiversità con la ricostituzione di habitat naturali e, appunto, la demolizione di detrattori ambientali.

Oltre 150 bambini delle scuole primarie della città hanno partecipato sporcandosi orgogliosamente le mani di terra nel solenne gesto di piantare un albero. Le piante sono state fornite da Arif, che hanno anche aiutato i giovanissimi studenti e insegnato loro come si pianta un albero e si gestisce un bosco. A rallegrare la giornata la mascotte Ape dell’associazione La terra dei piccoli.

Articolo precedente91 MILA EURO DALLA REGIONE PUGLIA PER LA FORMAZIONE E IL LAVORO
Articolo successivoMALTEMPO IN PUGLIA, ONDE ALTE OLTRE 5 METRI DEVASTATO IL LUNGOMARE