Home Cronaca PROTOCOLLO D’INTESA TRA GUARDIE ZOOFILE AGRIAMBIENTE LECCE E GUARDIE ZOOFILE NOGRA-LECCE PER...

PROTOCOLLO D’INTESA TRA GUARDIE ZOOFILE AGRIAMBIENTE LECCE E GUARDIE ZOOFILE NOGRA-LECCE PER LA VIGILANZA E IL RISPETTO DELLE LEGGI

inglese
ramundo
ARTE ORAFA
ramundo 2
materassi
toma casa
andreina
new pergola_pergola
banner fiorentino
inglese
neretum

Dal primo agosto partirà la collaborazione tra i due Nuclei di PG delle Guardie Zoofile Coordinate rispettivamente da Antonio RUSSO e Gianluca GRECO, collaborazione questa, la quale permetterà di avere un numero maggiore di Guardie Zoofile da destinare alla vigilanza sul rispetto delle Leggi e dei Regolamenti in materia di animali, avendo un particolare riguardo, ai comuni convenzionati con i due Nuclei.

Non è una novità che gli animali da affezione, in particolare cani e gatti, sono divenuti oramai “emergenza sociale”.

A partire dai continui abbandoni, di cani e gatti, ed a seguire, per la mancanza di una seria programmazione sulle sterilizzazioni, nella fattispecie dei gatti, i quali ormai hanno invaso anche le vie cittadine, provocando, in alcuni casi, anche emergenze di carattere igienico sanitarie, in particolare, la dove presenti colonie feline numerose e non censite.

Non meno importante la questione dei numerosi cani di proprietà dei comuni ricoverati nei canili privati che comportano una esosa spesa per i contribuenti, il Comune di Nardò, per esempio, ha circa 250 cani ricoverati in canili privati e il dato non cenna a diminuire a causa dei continui abbandoni sul territorio di cani di proprietà non microchippati.

In questo ultimo anno le continue richieste di interventi per il recupero di animali, nello specifico, gatti e animali di specie selvatica, hanno compromesso l’attività principale delle Guardie Zoofile, attività che vedrebbe le Guardie impegnate in servizi di prevenzione e repressione dei reati a danno di animali, nonché la vigilanza sul rispetto delle Leggi e Regolamenti in materia. Il Nucleo di Pg Guardie Zoofile Agriambiente Lecce, sta cercando di trovare soluzioni di concerto con i Comuni, quindi addivenire a soluzioni affinché il recupero degli animali in difficoltà, (cani esclusi, poiché competenza diretta delle AA.SS.LL.) venga effettuato da associazioni che non siano impegnate in attività di Vigilanza Zoofila.

Su questo punto il Dirigente Antonio RUSSO, ha ideato e proposto al Comune di Nardò il reclutamento di volontari comunali, i quali a titolo volontario, svolgano attività di cura e distribuzione di cibo agli animali vaganti e/o reinseriti sul territorio, inoltre, potrebbero occuparsi del trasporto degli animali in difficoltà presso gli ambulatori convenzionati o presso il CRAS, ( per gli animali selvatici), in questo modo, le Guardie Zoofile potranno essere più presenti sul territorio per l’attività di vigilanza, prevista dagli artt. 4 e 29 della Legge Regionale Puglia del 07 febbraio 2020.

Articolo precedenteLA PRESENTAZIONE DEL ROMANZO “I MOSTRI HANNO PAURA DELL’AMORE” DI MARIKA STAPANE
Articolo successivoANZIANO A TERRA A SANTA MARIA AL BAGNO. TRAFFICO BLOCCATO E SANITARI SUL POSTO