Home Spettacolo&Cultura I GIARDINI DELLA PREESISTENZA – A LEVERANO LA PRIMA MOSTRA FOTOGRAFICA DI...

I GIARDINI DELLA PREESISTENZA – A LEVERANO LA PRIMA MOSTRA FOTOGRAFICA DI ENZO FERRARI ISPIRATA A FRANCO BATTIATO

ramundo
ARTE ORAFA
ramundo 2
materassi
toma casa
meetnes
plaisir
new pergola_pergola
banner fiorentino

LEVERANO – La mostra sarà inaugurata sabato 26 marzo 2022 alle ore 18 presso la Biblioteca di Comunità “Piazza Coperta – Leverano Centrale”.

L’ iniziativa è promossa dall’ Assessorato alla Cultura del Comune di Leverano, dalla Società di Servizi Culturali LiberMedia ed dal Circolo Fotografico “Il Castello” di Taranto.

Sette fotografie stampate in grande formato, ispirate a canzoni e  brani strumentali dell’ immensa produzione artistica del compositore siciliano, che proprio a marzo avrebbe compiuto 77 anni.

Sette foto, tante quante le tracce comprese nei primi album pop pubblicati da Franco Battiato.

Enzo Ferrari presenta i versi e le note dell’artista siciliano attraverso immagini evocative, a tratti oniriche,  che rappresentano le composizioni d’avanguardia, i brani più popolari come “Voglio vederti danzare”, fino a quelli più intimisti e mistici come “L’ombra della luce”.

All’ inaugurazione interverranno, oltre all’autore, Laura Giannotta, Assessore alla Cultura del Comune di Leverano, Umberto Cagnazzo, bibliotecario Biblioteca di Comunità Leverano e Raimondo Musolino, Presidente del circolo fotografico “Il Castello” di Taranto.

La mostra sarà visitabile da lunedì 28 marzo fino a sabato 2 aprile, dalle ore 16 alle 19. L’ingresso è gratuito, si accede con green pass.

Enzo Ferrari, giornalista professionista, è nato e vive a Taranto. È direttore del quotidiano TarantoBuonasera. Appassionato di fotografia, è vicepresidente del circolo fotografico “Il Castello”. Ha al suo attivo mostre personali e partecipazioni a esposizioni collettive.

Articolo precedenteRETE CICLABILE UNIVERSITARIA CON IL PNRR, APPROVATO IL PROGETTO DI FATTIBILITÀ
Articolo successivoGIORNATA DELLA LEGALITÀ: IL DIALOGO CON GIOVANNI SUL FRATELLO PEPPINO IMPASTATO