60 SANZIONI PER 16 MILA EURO, IL BILANCIO 2021 DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI

 60 SANZIONI PER 16 MILA EURO, IL BILANCIO 2021 DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI

184 servizi effettuati e 60 sanzioni amministrative elevate per violazioni dei regolamenti comunali e delle ordinanze sindacali in tema di deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti. Questo è il bilancio delle attività svolte nel corso del 2021 da parte degli ispettori ambientali del Comune di Nardò, che operano sotto l’egida tecnico-operativa della Polizia Locale e dell’assessorato all’Ambiente con compiti di informazione e educazione in materia ambientale e di prevenzione, segnalazione e contestazione delle violazioni sul territorio comunale. Non solo per il corretto conferimento dei rifiuti, ma più in generale per la difesa del suolo e del paesaggio e per la tutela dell’ambiente.

I servizi, svolti con fototrappole mobili, con appostamenti mirati o in borghese e a seguito delle segnalazioni pervenute al Comando di Polizia Locale e dai cittadini, hanno portato a un totale economico di sanzioni pari a circa 16 mila euro. Sono stati segnalati agli uffici competenti 7 evasori della Tari e 10 terreni agricoli oggetto di deposito di plastiche ad alto rischio di incendi. I proprietari o coltivatori dei terreni sono stati diffidati allo smaltimento delle stesse plastiche. Gli ispettori hanno espletato, inoltre, un’attenta attività di monitoraggio e controllo di discariche abusive, dai cui è emerso purtroppo che è sempre piuttosto diffuso il malcostume dell’abbandono dei rifiuti nelle strade di periferia e nelle campagne e in qualche caso anche in aree urbane. Significativa anche l’attività repressiva in materia di mancata differenziazione dei rifiuti, in questo caso a seguito di segnalazioni dell’azienda che si occupa del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti urbani. Ma su questo fronte gli ispettori ambientali hanno affiancato una costante opera di informazione e sensibilizzazione. Infine, gli ispettori hanno fornito ausilio alle forze di polizia sul fronte della vigilanza e dei reati ambientali.

“Gli ispettori ambientali – spiega la consigliera delegata al decoro urbano Anna Lisa Cupponesvolgono un compito delicato e importante, perché fanno emergere tante piccole e grandi violazioni in materia di rifiuti e di ambiente e quindi consentono di punire chi non ha un comportamento corretto. Ma è importantissimo anche il loro apporto in termini di informazione e sensibilizzazione. Questo bilancio dimostra quanto sia utile l’attività degli ispettori e quanto ancora ci sia da fare sul fronte della “cultura” ambientale nella nostra città.

“60 sanzioni in un anno – aggiunge il consigliere delegato ai servizi ecologici Pierpaolo Giuridimostrano che sono ancora tanti i comportamenti e gli approcci sbagliati verso l’ambiente da parte dei nostri concittadini. Occorre acquisire una consapevolezza diversa rispetto a questi temi, che non riguardano solo lo stretto ambito dei rifiuti, e capire che ogni singolo gesto può rappresentare uno sfregio al contesto che ci circonda. Rispetto a questo è evidente che la sola attività repressiva non basta e in questo senso gli ispettori, che fanno anche tanto “affiancamento” e tanta sensibilizzazione, svolgono un ruolo impeccabile”.