ZES: L’AGENZIA DELLE ENTRATE MODIFICA IL MODELLO DI COMUNICAZIONE PER RICHIEDERE IL CREDITO D’IMPOSTA

 ZES: L’AGENZIA DELLE ENTRATE MODIFICA IL MODELLO DI COMUNICAZIONE PER RICHIEDERE IL CREDITO D’IMPOSTA

L’Agenzia delle Entrate ha modificato il modello di comunicazione utilizzato per richiedere l’autorizzazione alla fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nelle Zes per recepire le importanti modifiche intervenute con il dl 108/2021 che ha cambiato la disciplina riguardante il credito d’imposta elevando il limite massimo del costo complessivo agevolabile di ciascun progetto da 50 a 100 milioni di euro ed estendendo la misura agevolativa all’acquisto dei beni immobili strumentali.

Le Zone Economiche Speciali (ZES) sono una grande occasione per lo sviluppo dei nostri territori, sia per le agevolazioni fiscali che per gli incentivi economici e le semplificazioni amministrative alle attività produttive.

È dunque molto importante il recepimento della norma da parte dell’Agenzia delle Entrate e la modifica del modello di comunicazione utilizzato per richiedere l’autorizzazione alla fruizione del credito d’imposta per gli investimenti. Ora però, per rendere pienamente operativi i vantaggi della Zes Interregionale Adriatica torno a chiedere al Governo quanto richiesto un anno fa, con un’interpellanza urgente firmata insieme alla collega Angela Masi, di procedere con urgenza alla nomina del commissario.

Ultimare le procedure vuol dire creare le condizioni per favorire le imprese, gli investimenti e l’occupazione e contribuire alla ripresa dopo i danni causati dalla pandemia. Non possiamo attendere oltre, ora è il momento di dare risposte e strumenti ai nostri territori.

Soave Alemanno