DE PIRRO: “UNO SGUARDO, POI INSULTI E UN PUGNO”

 DE PIRRO: “UNO SGUARDO, POI INSULTI E UN PUGNO”

De Pirro, chi mi ha colpito vicino a Casapound Candidato consigliere M5S, “uno sguardo, poi insulti e un pugno”.

“E’ una persona di estrema destra, vicina a Casapound, che non condivide tutto ciò che non è il suo modo di vedere. C’è stato uno sguardo mentre raggiungevamo il palco e lui scendeva, mi ha insultato, io l’ho pregato di andare via e, a quel punto, mi ha aggredito fisicamente”. Lo ha detto all’ANSA Tiziano De Pirro, il candidato consigliere del M5S a Nardò che ieri sera sarebbe stato aggredito in occasione dei comizi del sindaco uscente Pippi Mellone (vicino all’estrema destra) e del candidato sindaco di Pd e M5S Carlo Falangone. “Il sindaco Mellone – spiega De Pirro – stamattina mi ha contattato invitandomi a fare un’uscita pubblica per spiegare che non c’entra niente la politica, ma non è così”. “Ora sono ancora in ospedale – dice al telefono De Pirro – e sono in attesa di fare una ecografia all’addome perché’, a causa degli spintoni ricevuti, ho urtato probabilmente contro un bancone e ho un gonfiore. Ho riportato una frattura alla mano sinistra e tra 4-5 giorni dovrò essere visitato di nuovo perché’ ho un problema all’orecchio sinistro. Mi hanno prescritto una cura antibiotica e dovrò prendere anche del cortisone”. “Il sindaco uscente Pippi Mellone – sostiene De Pirro – aveva appena terminato il suo comizio, quindi loro stavano abbandonando la piazza e io, con gli altri candidati di centrosinistra, stavo salendo sul palco e avevo una bandiera del M5S. Questa persona, che conosco ed è di Nardò come me, mi ha guardato male e mi ha insultato. Io gli ho solo detto di andare avanti e non so cosa gli sia scattato, fatto sta che mi ha colpito con uno schiaffo e un pugno. C’era tanta gente che ha assistito alla scena, anche la Digos”.

Correlati