SABATO 24 LUGLIO – LA BANDA DE LU MBROIA A CORIGLIANO D’OTRANTO

 SABATO 24 LUGLIO – LA BANDA DE LU MBROIA A CORIGLIANO D’OTRANTO
Stefania
Piccione
Mov5
leuzzi

Sabato 24 luglio alle 21:30 all’Art&Lab Lu Mbroia di Corigliano d’Otranto torna La Banda de Lu Mbroia.

Un ensemble di circa venti elementi, tra fiati e percussioni, in un uliveto, tra luci e piante secolari, un repertorio sinfonico e marciabile che mette insieme i vari brani che compongono il repertorio classico della banda, quello che si ascolta dalle legnose cassarmoniche della piazza. Dal Boléro di Ravel fino alla Gazza Ladra di Rossini, da The King di Archibald Mizzi fino a La marcia di Radetzky di Johann Strauss. Composta da musicisti militanti nelle più importanti bande del territorio salentino e non solo, condurrà in un viaggio del tutto inusuale. La Banda de Lu Mbroia, ha all’attivo vari concerti e la registrazione del CD “Viva il Re!” del cantautore Massimo Donno, album considerato da “Il giornale della Musica” come uno dei migliori 20 album di World Music usciti in Europa nel 2017, ed uno dei 10 migliori album indie italiani usciti nel 2017 per il sito www.smemoranda.it.

Domenica 25 luglio spazio a “Insieme a te sto bene: uno storytelling su Lucio Battisti”, spettacolo del cantautore Michele Cortese e dello scrittore e giornalista Donato Zoppo. Entrambi amanti di Lucio Battisti, raccontano la vita del grande artista tra aneddoti e canzoni, riflessioni e rivisitazioni dei suoi classici, in una sorta di salottino intimo e acustico, tra luci, penombra e vinili. Insieme a te sto bene è uno “storytelling-concert” che unisce la narrazione di Donato Zoppo (aneddoti, la genesi delle canzoni, il rapporto con Mogol e gli anni ’70, la storia delle copertine) e la affascinante interpretazione acustica dei più importanti brani battistiani da parte di Michele Cortese. Dalla fine degli anni ’60 fino alla sua scomparsa, Lucio Battisti ha rivoluzionato la canzone italiana: l’ha aperta alle più disparate influenze straniere, prima con l’alchimia irripetibile insieme a Mogol, poi con il percorso di ricerca insieme a Pasquale Panella, sperimentando ogni aspetto in progressiva solitudine. Battisti si è rivelato un artista inquieto, riservato e sfuggente, che ha lasciato parlare la sua opera, tenendo pochissimi concerti, rifiutando interviste e apparizioni televisive. Cortese e Zoppo svelano i segreti della sua musica, soffermandosi sugli anni ’60 e ’70 e sull’avventura con Mogol.

Prima dei live (dalle 20:30) sarà possibile degustare primi e secondi piatti, insalatone, verdure e i vini delle Cantine Duca Guarini di Scorrano. Ingresso riservato ai soci 7 euro. Posti limitati e distanziati con prenotazione consigliata [email protected] – 3381200398.

Correlati