FESTIVAL DÉCO, TORNANO I PERCORSI ALLA SCOPERTA DI VILLE E TESORI DEL SALENTO

 FESTIVAL DÉCO, TORNANO I PERCORSI ALLA SCOPERTA DI VILLE E TESORI DEL SALENTO
Digiqole ad

Per il diciottesimo anno consecutivo torna il Festival Déco – Salento Ville e Giardini. Dal 23 luglio al 31 agosto appuntamento con i percorsi guidati alla scoperta delle ville signorili e dei tesori nascosti che punteggiano la ruspante campagna salentina, ma anche i piccoli borghi di terra e di mare. Architetture rurali di pregio che rendono unici alcuni territori del Salento. Le Cenate a Nardò, l’entroterra di Gallipoli, Galatone e la Valle della Cupa (aree in cui il Festival è ambientato) sono accomunate dalla presenza di concentrazioni di ville suburbane realizzate a partire dal ‘700.

Il “debutto” sarà domani, venerdì 23 luglio, alle ore 18:30. La rassegna prenderà il via da località Cenate a Nardò. Appuntamento con “Ode all’Ulivo” a Villa Saetta. Un luogo dove la passione è al servizio della sostenibilità: la villa, la cava come bosco emergente, l’uliveto resistente. Guidati dagli stessi proprietari, i visitatori avranno modo di conoscere la storia, lo stile architettonico, i materiali e le tecniche impiegate nella costruzione. Si visiteranno l’accogliente giardino mediterraneo e il florido uliveto di circa trent’anni, costituito da ogliarola e cellina, due della varietà maggiormente colpite dal batterio xylella e per questo divenute una rarità nel territorio salentino. Durante il percorso sarà possibile scoprire come, nel perpetuare la secolare vocazione agricola di queste terre, con metodo e studio, i proprietari Carlo e Anna siano riusciti a salvare l’uliveto di famiglia. Il tour si chiude con un momento conviviale al tramonto.
Lunedì 26 luglio (inizio alle ore 18) l’appuntamento è con “Liberty al profumo di mare”, con cui il Festival Déco si sposta a Santa Maria al Bagno. In programma una passeggiata guidata nella storia, ma con lo sguardo all’insù verso lo splendido corollario di ville e palazzi che impreziosiscono la baia e le vie limitrofe. Caputo-Vallone, Leuzzi, Stapane, Frigino, solo per ricordarne alcuni e menzionare le ricche famiglie che, agli inizi del Novecento, scelsero la ridente marina neretina, già nota nell’antichità per essere una “stazione termale”, come luogo ideale per la villeggiatura. Il percorso termina con un aperitivo e vista sul tramonto.
Mercoledì 28 luglio (inizio alle ore 18) torneranno ad essere protagoniste le ville in località Cenate con il percorso dal barocco all’eclettismo. Abili guide porteranno i visitatori a conoscere le origini di tanta esuberanza architettonica concentrata in pochi chilometri. Si potranno visitare alcuni degli esemplari più interessanti realizzati tra la fine del ‘700 e, a più riprese, tra la fine dell’’800 e i primi del ‘900, periodo in cui la campagna diventa sinonimo di villeggiatura e diletto e l’eco della Bell’Epoque arrivò fin nel Tacco dello Stivale. Civettuole e ammiccanti nelle loro forme sinuose e negli intonaci sgargianti, spiccano in alcune zone che, oltre alla vocazione agricola, storicamente possono vantare vivacità, estro e ingegno nell’arte del costruire.
Il Festival Déco è organizzato da Fluxus cooperativa con la collaborazione dei proprietari che per gentile concessione aprono al pubblico le proprie dimore, con il patrocinio del Comune di Nardò e la collaborazione di storici, architetti, paesaggistici che animano i percorsi guidati del Festival.
La prenotazione per gli appuntamenti è obbligatoria. Per la prenotazione e per informazioni è utile contattare il numero di telefono 380 4739285. È possibile anche prenotare acquistando direttamente il biglietto sul sito https://www.fluxuscooperativa.com/home/.

Correlati

Grande o piccolo, ogni contributo è prezioso.

X