DOMANI PASSEGGIATA GUIDATA NEL CENTRO STORICO DI NARDÒ

 DOMANI PASSEGGIATA GUIDATA NEL CENTRO STORICO DI NARDÒ
Digiqole ad

Fluxus società cooperativa la propone per venerdì 18 giugno, con degustazione di vini e prodotti della tradizione.

Si passeggia senza fretta nel centro storico. Palazzi, vicoli e piazze, monumenti e scorci inediti e i racconti di una guida del luogo svelano i mille volti di una città ricca di storia ed opere d’arte, ma con un cuore genuino e popolare. Luogo di ritrovo, alle ore 18, è la grande magnolia antistante il torrione del Castello, in Piazza Cesare Battisti. Il Castello aragonese, che verso la fine dell’800 subì un profondo restyling per essere adibito a palazzo signorile ad opera dei baroni Personè, è il primo monumento che si incontra. Accanto sorge la Villa Comunale, un romantico giardino botanico, concepito, secondo gli stili dell’epoca, come un “giardino dello stupore”.  

Ci si addentra nel centro storico dove sono previste soste ai più interessanti esempi di edilizia privata – dalle case a corte che raccontano di una vita umile e semplice, ai numerosi palazzi nobiliari – e di arte sacra. Chiese e conventi, numerosissimi, in gran parte rimaneggiati in stile barocco, svelano tracce e capolavori a cavallo di varie epoche. Dopo la visita della Cattedrale, fondata nel 1088 dal Conte Goffredo di Conversano sulle rovine di un edificio molto più antico le cui tracce sono in parte ancora visibili, si arriva nel cuore della Città. L’antica piazza delle Legne, oggi  nota come Piazza Salandra.

Un tripudio di forme e colori che al tramonto si accendono di nuovi riflessi. Nardò, terra d’arte e di artisti, del sacro e del profano, di sapori e saperi tramandati da una secolare tradizione agricola e pastorale è anche terra di ottimi vini, tanto che una leggenda narra che il dio Bacco fermatosi a sostare nelle foreste intorno a Nardò, per la fertilità dei suoi terreni, qui volle impiantare una delle prime vigne, dando così origine a quel sacro nettare tanto caro al popolo e al clero, antica medicina ma anche fonte di ispirazione per poeti e letterati, che rese l’area ben nota per le sue osterie.

La visita della città termina con una degustazione di vini e prodotti tipici proposta da la Vetrina del Gusto, accogliente spazio riservato ai produttori di Terra d’Arneo. Prenotazioni al numero 3804739285. 

Correlati

Grande o piccolo, ogni contributo è prezioso.

X