PARLA IL PROFESSORE METAFUNE. “SARÒ AL FIANCO DI STEFANIA RONZINO”

 PARLA IL PROFESSORE METAFUNE. “SARÒ AL FIANCO DI STEFANIA RONZINO”
Digiqole ad

A seguito della candidatura dell’avv. Stefania Ronzino da parte di Nardò Bene Comune, il prof. Giorgio Metafune ha pubblicamente aderito al progetto, scendendo in campo personalmente come candidato nella lista. Ecco l’intervento.

“Ho interagito con Nardò Bene Comune su questioni ambientali sin dalla loro costituzione come associazione, nel 2016. La prima volta li ho incontrati per discutere del riuso e del progetto scarico zero, poi ci siamo ritrovati insieme nella battaglia per la salvaguardia della Sarparea, ultimamente per quella a favore del CRSEC e dei pioppi di via Bellini… poi abbiamo cominciato a discutere di buona amministrazione, di democrazia a Nardò, di progetti di pubblica utilità. Hanno riempito un vuoto a Nardò, quello delle forze di centro sinistra che, ormai, non hanno neanche un luogo per riunirsi.

Il mio sostegno a loro è la conclusione naturale di un percorso, ma anche l’inizio di uno nuovo. Non sono mai stato candidato alle comunali ma c’è sempre una prima volta e, vada come vada, sarò della partita, a sostegno di Stefania Ronzino. Si può perdere, ma bisogna dare un’alternativa e contribuire alla ricostruzione di luoghi democratici di confronto.

Chi ci sarà accanto ancora non lo so, fermo restando che il dialogo con altre forze vicine è doveroso. Brilla un’assenza, quella del Partito Democratico. Sono stato iscritto per qualche anno ma poi ho restituito la tessera vedendo l’inutilità nel mantenerla. La mia critica va intesa “dall’interno”; è la critica di chi vede che il PD è il “meno peggio” o “l’unico partito che ancora sembra tale” ma che ancora non coglie quel minimo di credibilità che porta a fare un passo consequenziale. Parlo soprattutto del PD pugliese che, a Nardò, dovrebbe chiarire alcune questioni fondamentali.

In primo luogo, il PD le elezioni le vuole vincere o preferisce perderle?
È in grado a Nardò di presentare almeno una lista con tutti i suoi esponenti?
E se le elezioni vuole vincerle, con quale Sindaco?
In fondo Emiliano sostiene esplicitamente Mellone. A questa prima domanda il PD deve rispondere, per non alimentare il dubbio che gli vada bene Mellone sindaco purché in qualche modo i suoi esponenti di spicco vengano eletti (magari diversificando le liste in cui si presentano).

E poi la seconda domanda. Il PD ha interesse a ricostruire il partito a Nardò? Ricostruire un partito in cui i giovani di nuovo partecipino, un partito di cittadini e non solo elettori?
In questi ultimi anni il PD non c’è stato, totalmente assente, nonostante l’attivismo di alcuni suoi consiglieri che hanno agito per lo più su iniziativa personale. Se anche a questa domanda la risposta è sì’ (e potrebbe essere no?) allora tocca rinunciare a strategie al ribasso, promuovere il dialogo tra le forze del centro sinistra, sostenere quelle forze che, nonostante l’assenza dei partiti, non hanno rinunciato negli anni, ad avere una propria visione della città.” 

Professore Giorgio Metafune, docente presso l’Università del Salento.

Correlati

Grande o piccolo, ogni contributo è prezioso.

X