LE PRIORITÀ DI MELLONE E I SUOI AI TEMPI DELLA PANDEMIA. NARDÒ SPENDE ALTRI 5MILA EURO PER IL FALCO CONTRO I PICCIONI

 LE PRIORITÀ DI MELLONE E I SUOI AI TEMPI DELLA PANDEMIA. NARDÒ SPENDE ALTRI 5MILA EURO PER IL FALCO CONTRO I PICCIONI

AI TEMPI DELLA PANDEMIA, DELLE ATTIVITÀ AL COLLASSO, DELLA PERDITA DI POSTI DI LAVORO IL COMUNE DI NARDÒ SPENDE ALTRI 5MILA EURO PER IL FALCO CONTRO I PICCIONI.

In piena pandemia, con la Puglia divenuta zona rossa e quindi con decine di attività costrette a chiudere nuovamente i battenti, con la pressione fiscale nazionale e comunale che non arretra, ci si aspetterebbe che un’amministrazione lungimirante e che bada agli interessi reali dei suoi concittadini stia lavorando alacremente per abbattere le tasse comunali come IMU, TARI, IRPEF, ICP. Ci si aspetterebbe un piano di rimodulazione sulle scadenze delle imposte, per donare ossigeno al tessuto produttivo, ai cittadini che perdono il lavoro, agli esercenti chiusi.

Invece sapete per cosa hanno tempo (e soldi) questi “signori”? Per spendere altri 5.000 euro, che si aggiungono ai 12.200 di otto mesi fa per un totale di 17MILA E DUECENTO EURO in favore del noleggio di falchi scaccia piccioni!!!

Avete capito bene, quasi 20MILA euro per utilizzare dei falchi che in questi mesi hanno già dimostrato di non servire a nulla, dato che i piccioni sono ancora lì, nelle piazze e sui monumenti, anzi appaiono persino di più.

Sono senza vergogna. Nei metodi, nelle azioni, nelle espressioni, nel modo di governare. Lo abbiamo sempre affermato e non ci siamo mai trovati pentiti, perché non perdono occasione di dimostrarlo. E questa è l’ennesima!


A chi continua a difenderli, a compatirli, a dire “si, ma” dico che è semplicemente peggio di loro!

Lorenzo Siciliano
Consigliere Comunale

Grande o piccolo, ogni contributo è prezioso.

X