ANDREA BACCASSINO: LASCIATE IN PACE LA BIBLIOTECA DEL CRSEC

 ANDREA BACCASSINO: LASCIATE IN PACE LA BIBLIOTECA DEL CRSEC

“Dico sempre che un artista non dove schierarsi politicamente perché deve essere sempre libero di dire la sua senza vincoli di parte.

Deve andare dal potente di turno e dire “Stai sbagliando”. Ecco, quello di turno in questo caso non è poi così potente, ma comunque caro Sindaco di Nardò e maggioranza tutta, Assessori, Consiglieri, e chi lavora dietro le quinte: sulla faccenda della biblioteca del CRSEC state sbagliando. E di grosso”. E non finisce qui. E Spero che i miei concittadini siano d’accordo con me e non pensino semplicemente che la Biblioteca sia un luogo in cui vengono conservati i libri ma un Contenitore di Storie e di Conoscenza da cui attingere per migliorare se stessi. La Biblioteca è per sua stessa natura una Community Library, non c’è bisogno di chiuderne una per aprirne un’altra, creare un “polo bibliotecario” eccettera eccetera. C’è già, è lì, da anni! E la dichiarazione dell’assessore Tollemeto: “La strategia per il presente e per il futuro, alla luce di ciò, non può essere quella di tutelare l’interessi di pochi ma, al contrario, quella di assicurare il diritto di fruizione a tutti, in ogni ora del giorno.” ricorda tantissimo la famosa frase di Pippi appena eletto quando disse che a Nardò non ci sarebbero più stati favori per gli amici degli amici. Ho letto la dichiarazione dell’Assessore, più volte. Paroloni, politichese, propaganda, persino accuse nascoste sotto giri di parole e una frecciatina impertinente e fastidiosissima al sindaco di Galatone.
State davvero asfaltando la città.
PS: PROPOSTA. LASCIATE IN PACE LA BIBLIOTECA DEL CRSEC E CREATE UNA NUOVA COMMUNITY LIBRARY CHE LAVORI IN RETE, FATENE UNA NUOVA PARTENDO DA ZERO, IN QUESTO MODO I NERETINI POTRANNO SCEGLIERE.

Slider

Correlati

Grande o piccolo, ogni contributo è prezioso.

X