L’IMPRENDITORE NERITINO LUIGI CALIGNANO VINCE UNA BATTAGLIA INIZIATA GRAZIE ALLA SUA INTRAPRENDENZA

 L’IMPRENDITORE NERITINO LUIGI CALIGNANO VINCE UNA BATTAGLIA INIZIATA GRAZIE ALLA SUA INTRAPRENDENZA

La novità illustrata dal consigliere regionale Sergio Blasi. Fino ad ora era discrezione del sindaco consentire o no l’apertura di questo genere di strutture nelle città. Calignano, oggi, esulta per una novità normativa approvata dalla Regione Puglia che consentirà di superare i singoli municipi e uniformare la fattispecie in tutta la regione pugliese.

Dal consigliere regionale Sergio Blasi:
E’ stata appena approvata in Consiglio regionale una mia proposta di legge che modifica l’ordinamento delle attività funerarie, apportando ordine alla materia e favorendo – laddove possibile – la nascita di nuove attività sul territorio regionale.
Nello specifico si introduce una distinzione fra “casa funeraria” e “casa del commiato”, andando così a risolvere una annosa questione tecnico-burocratica che ha portato numerose attività a ricorre alla giustizia amministrativa.
Non solo. Con questa modifica di legge si prova a superare la disparità che si è venuta a creare tra i vari Comuni, molti dei quali dotati di strumenti urbanistici alquanto obsoleti che non contemplano l’attività funeraria al difuori dei cimiteri e nelle relative fasce di rispetto. Con le modifiche approvate oggi in Consiglio si introduce la possibilità per i Comuni di approvare, sentita l’ASL competente per territorio, la costruzione di nuovi cimiteri, di strutture per il commiato e di case funerarie.

Slider
Slider

Correlati

error: Il contenuto è protetto.