Il segretario cittadino del Pd: «Sarei ben lieto di rispondere al segretario di Andare Oltre in un’assemblea aperta con i commercianti di via Bonfante. Lì vedremmo chi racconta la verità»

C’è un modo molto semplice per capire chi avrebbe “un rapporto complicato con la realtà”, come dice il segretario di Andare Oltre: confrontarsi pubblicamente coi commercianti e i residenti di via Bonfante. Se questo avvenisse, avremmo modo di parlare insieme di incassi e studi, che invece per Maritati non sembrano necessari quando il sindaco diffonde vuoti spot sulla “Nardò miglior posto per vivere e investire”. Studi, ad esempio, come quello del consulente per la mobilità indicato dall’Amministrazione Comunale che addirittura prende le distanze dal senso unico istituito in via Bonfante. Sono disponibilissimo ad affrontare i punti di cui parla Maritati, a patto che lo si faccia in un dibattito pubblico e soprattutto alla presenza dei commercianti di quella zona della città. Lì capiremmo chi racconta la verità. Spero che questo invito abbia maggiore fortuna rispetto ai precedenti tentativi di ottenere risposte. Mi riferisco alle commissioni consiliari convocate per affrontare proprio l’argomento “via Bonfante” e disertate dagli esponenti di maggioranza. Qui l’attenzione, vorrei ricordarlo, dovrebbe essere rivolta ai commercianti e non al sottoscritto. Per quanto riguarda il calo degli incassi da quando questa Amministrazione ha “messo mano” a quella strada, è sufficiente parlare coi negozianti di quella zona per comprendere la situazione. L’ho già detto ma mi trovo costretto a ripeterlo: non siamo affatto contrari alle piste ciclabili nonostante i banali tentativi di chi prova, senza riuscirci, a far passare il concetto opposto. Siamo però contrari all’improvvisazione e alle decisioni imposte senza dialogo e concertazione. Un dialogo necessario non col sottoscritto ma con le vere vittime dell’arroganza politica: i commercianti di via Bonfante e dintorni.

Salvatore Falconieri

Segretario Cittadino Partito Democratico – Nardò