Nella mattinata di domenica una donna quarantenne chiama la centrale operativa chiedendo soccorso.

La richiesta è confusa, si pensa anche al peggio e così in zona “Pilanuova”, giungono i vigili del fuoco, una ambulanza del 118. Sul posto intervengono anche i carabinieri della stazione di Nardò che convincono la donna a scendere da un terrazzo dove si era rifugiata.

Alla sua abitazione, un alloggio popolare, sono stati apposti i sigilli perché puntellata in più stanze e considerata a rischio di crollo. Il figlio della donna, minore, è stato affidato ai Servizi sociali di Nardò mentre la madre è stata soccorsa dai sanitari e ricoverata.