Ennesimo riconoscimento per il territorio neretino che continua a guadagnare fette di visibilità praticamente sconosciute sino a poco tempo fa. Marcopolo, la rivista bimestrale di viaggi più venduta in Italia e testata leader del settore, pubblica nel numero di settembre-ottobre uno speciale dedicato al Salento, Le Maldive di casa nostra, in cui Carmen Mancarella dedica ampio spazio al territorio di Nardò e, in particolare, alle sue marine. “Non serve fare ore di volo per trovare un mare dalla bellezza esotica”, scrive la giornalista, che compie un viaggio ideale partendo da Punta Prosciutto, l’ultima spiaggia jonica della provincia di Lecce, e proseguendo sulla costa con Porto Cesareo e Santa Maria al Bagno e nell’entroterra con Guagnano e Leverano.

Poi ancora in riva al mare con Torre Lapillo, Portoselvaggio, Santa Caterina, senza dimenticare il centro storico neretino, Gallipoli e poi più a sud Ugento, Torre Pali, Pescoluse, Torre Vado e Leuca. Il Salento jonico, insomma, in cui uno spazio da protagonista è occupato da Nardò e dalle sue eccellenze produttive, culturali ed enogastronomiche. Carmen Mancarella cita il Grand Hotel Riviera, il Museo della Memoria e dell’Accoglienza e la neonata boutique Ermes a Santa Maria, le acque “sempre fresche” di Portoselvaggio, lo show room di Terrarossa e la vineria Schola Sarmenti nel cuore di Nardò. Il “racconto” è arricchito dalle splendide foto di Emanuela De Santis, che tra gli altri regala i bellissimi profili di piazza Salandra (dall’alto) e della spiaggia di Santa Maria.

“Quando si parla di un Salento delicato, slow, dolce – spiega l’assessore al Turismo Giulia Puglia – ormai Nardò è sempre presente. È un profilo che ci piace e che riteniamo il più adeguato alla vocazione e allo spirito del nostro territorio. Che anche Marco Polo racconta attraverso le bellezze del mare, le eccellenze della tavola, le preziose unicità del borgo antico. Negli ultimi mesi la nostra città è salita decisamente alla ribalta dei più importanti circuiti mediatici dedicati al turismo, alla cultura e all’intrattenimento. Ora la sfida più difficile, cioè soddisfare completamente le aspettative di chi arriva e continuerà ad arrivare anche nei prossimi mesi”. 

Marcopolo