Home / Cronaca / TUTTI TUTTI GLI INTERVENTI SULL’OPERAZIONE DEI CARABINIERI

TUTTI TUTTI GLI INTERVENTI SULL’OPERAZIONE DEI CARABINIERI

Nel rispetto del lavoro quanto meno rapido da parte degli organi inquirenti e della magistratura, l’auspicio è che si faccia ciò che è necessario nel rilevare eventuali responsabilità di chi non ha ottemperato al rispetto della legge, a tutela soprattutto dei lavoratori.
È d’obbligo tuttavia non fare di ogni erba un fascio, salvaguardando le aziende in regola con i contratti di lavoro, senza di screditare nella sua interezza il mondo agricolo.
È necessario fare quindi tutto ciò che è necessario salvaguardando sopratutto la nostra città da eventuali speculazioni gratuite da territorio schiavizzato!

Daniele Piccione, capogruppo Pd

– – – – – – – – – – – – – – – – –

Torna “Ancora in campo” la campagna del sindacato per il riconoscimento dei diritti dei lavoratori agricoli

Cgil e Flai Cgil: “Grazie alle forze dell’ordine, ora tutti facciano la propria parte”

Fragassi e Accogli sull’arresto compiuto oggi dai carabinieri di Gallipoli

Lecce, 4 luglio 2019 – Valentina Fragassi, segretario generale della Cgil Lecce, e Monica Accogli, segretario generale della Flai-Cgil Lecce, intervengono sull’arresto di un imprenditore agricolo di Nardò per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro:

“L’operazione dei carabinieri di Gallipoli, ai quali va il nostro ringraziamento, testimonia quanto sia alta l’attenzione delle forze sul tema dello sfruttamento di lavoratori agricoli nei campi di raccolta nel Salento. Un’attenzione che però non riscontriamo sempre in altri contesti: spesso infatti il fenomeno è sottovalutato, quando non addirittura negato; al punto che molti soggetti, purtroppo anche tra le forze politiche, chiedono improvvidamente di modificare la legge 199/2016. Una norma che invece andrebbe pienamente applicata, anche nella parte che prevede interventi di prevenzione”.

“In provincia di Lecce negli ultimi anni il partenariato sociale e istituzionale ha contribuito a migliorare le condizioni di vita dei lavoratori stranieri stagionali. Per sconfiggere la piaga del caporalato, però, urgono interventi decisi sui principali affari gestiti dai caporali: trasporti, mensa e mercato del lavoro. Su tali temi alzeremo l’attenzione durante il prossimo tavolo prefettizio, in programma lunedì prossimo. La Cgil e la Flai come sempre sono in prima linea. Da lunedì scorso infatti è ripartita la campagna “Ancora in campo” per il riconoscimento dei diritti dei lavoratori agricoli. Con il nostro camper ogni giorno saremo nelle campagne del Salento. Quest’anno, oltre alla costante presenza all’interno del campo di accoglienza di Boncuri, offriremo assistenza sindacale e consulenza previdenziale anche nei Centri di accoglienza dislocati nella provincia di Lecce (Sprar e Cas) e nelle Camere del lavoro comunali della Cgil. Una campagna che riesce a sensibilizzare e smuovere le coscienze di lavoratori, che spesso giungono nel Salento ignari dei propri diritti e delle opportunità offerte dagli enti bilaterali, come Cassa Amica”.

Valentina Fragassi, Segretario Generale Cgil Lecce

Monica Accogli, Segretario Generale Flai Cgil Lecce

– – – – – – – – – – – – – – – – –

“Rispetto ad un tema così delicato ed importante, quale è quello del lavoro nei campi, che ha lungamente trasportato la nostra Città alla ribalta della cronaca nazionale, credo che l’ipocrisia più becera interpretata dall’Amministrazione Comunale e dai suoi emissari, faccia una gran pena e dia il senso del mancato rispetto umano ed istituzionale, nonché della propaganda galoppante che questa gente riserva sia ai lavoratori sia agli imprenditori. E’ stomachevole, infatti, vedere come da un lato ci sia il Sindaco Mellone che, come suo solito, pur di accaparrarsi qualche minuto di notorietà, riveste il ruolo di “amico dei migranti”, mentre dall’altro qualche esponente di casapound giochi a fare “l’amico degli imprenditori”. Entrambi rappresentano due facce della stessa medaglia, come è noto, nonché l’apice dell’ipocrisia, anche di fronte a questioni serie ed importanti come quella riguardante il caporalato e reati ad esso collegati.

Nardò è una Città che vive di agricoltura, che nutre della presenza di tante imprese agricole sane, portate avanti da persone perbene.

Tentare ancora una volta di appioppare all’agricoltura neretina l’infamia di reati gravissimi prima ancora che se ne accerti la fondatezza e si affrontino i processi è un film che abbiamo già visto. Che ha portato a far avere la celebrità a qualcuno e a scalfire profondamente un intero comparto agricolo che delle “uscite” di qualche politico o aspirante autore, ancora ne risente. Io difendo gli interessi della mia Città e quindi le sue imprese agricole sane, che nonostante le immani difficoltà che un settore come quello agricolo sta vivendo in questi ultimissimi anni, continuano ad andare avanti. Difendo la legalità e i lavoratori e ho pieno rispetto del lavoro della magistratura. Per questo credo che se fuori legge vi sono, non è la Politica a doverlo né accertare né decidere. Trovo ripugnanti i maldestri tentativi di fare propaganda su questa vicenda”

Lorenzo Siciliano

Consigliere Comunale

About Redazione

Leggi anche

MANI CANTANTI – DOMANI IL FLASH MOB DEGLI ALUNNI DEL POLO 2

Gli alunni della dell’Istituto comprensivo POLO 2 “Renata Fonte” di Nardò, in occasione del trentennale …

SCARICA LA NOSTRA APP!